RECENSIONE: Toseland / Cradle The Rage – Carlo Caprioglio

toseland-500x480[1]

Toseland

Cradle The Rage

(Metalville Records, 2016)

Seconda fatica discografica per gli inglesi Toseland, band fondata dal due volte campione del mondo di Superbike James Toseland, ritiratosi dalle corse motociclistiche nel 2011 a causa di un infortunio.

Nessuna novità da segnalare rispetto al precedente “Renegade” del 2014, ma solo 42 minuti di sano Rock ‘n’ Roll suonato in maniera convincente. E come se l’innegabile bravura dei singoli componenti della band non fosse abbastanza, basti sapere che dietro al mixer c’è un certo Mike Fraser, storico produttore di band come AC/DC, Aerosmith, The Answer e Metallica.

L’album si apre con una coppia di brani tra i più riusciti dell’intero lavoro, come “Too Closet o Call” e “Puppet on a Chain”, caratterizzati da un Hard Rock fresco e diretto. Nel proseguimento dell’ascolto, sono degne di nota le due ballate “Fingers Burned” e “We’ll Stop at Nothing”, che mettono in evidenza il lato più dolce del gruppo, come già era riuscita a fare “Just No Way” nell’album precedente. Dopo le due ballad, si ritorna all’Hard Rock, con riff interessanti come nel caso di “Livin’ a Lie”, ma anche con un paio di pezzi meno riusciti, come “Waiting for the Answers” e “Nothing You Can Do About it”. La chiusura è affidata all’energetica title track, che chiude in bellezza l’album con un riuscitissimo assolo di chitarra.

Consigliato a chiunque abbia apprezzato il precedente “Renegade”, ed in generale a chiunque voglia conoscere una nuova band con le idee ben chiare e con già in repertorio delle gran belle canzoni da suonare.


Brani: 1. Too Close To Call / 2. Puppet On A Chain / 3. Living In A Moment / 4. Fingers Burned / 5. Stranger Things / 6. We’ll Stop At Nothing / 7. Never Love Another / 8. Livin’ A Lie / 9. Waiting For The Answers / 10. Nothing You Can Do About It / 11. Cradle The Rage


Musicisti:

James Toseland (voce, tastiere)

Zurab Melua (chitarra)

Ed Bramford (chitarra)

Roger Davis (basso)

Joe Yoshida (batteria)

 

Toseland[1]

 

Advertisements