Recensione: Snarky Puppy/Sylva – Ivano Rossato

sylva

Snarky Puppy
Sylva
Impulse Records,  2015


Prosegue l’inarrestabile avanzata degli Snarky Puppy, il collettivo newyorkese guidato dal bassista e compositore Michael League da più di dieci anni. Il tutto viene fatto con la formula a cui gli estimatori sono stati abituati: registrazione in presa diretta dal vivo con tanto di pubblico presente in studio. La novità in questa quinta tappa su disco è il tandem con Metropole Orkest di Utrecht e il risultato sorprende per equilibrio fra la componente jazz-funk e quella orchestrale di stampo cinematografico. Le evidenti doti di Michael League, non solo come compositore e band leader ma come arrangiatore, sono ancora più lampanti in queste sei composizioni originali attraverso le quali il caratteristico sound degli Snarky Puppy non risulta banalmente diluito in un mare di archi, ma ingloba in se stesso con vitalità e misura le nuove possibilità timbriche e ritmiche offerte dell’orchestra olandese creando una sound compatto e coerente. “Sylva” rappresenta l’ennesima convincente prova per la creatura di League che si conferma come uno dei più interessanti “catalizzatori” di musica entusiasmante attualmente in circolazione.


Brani: 1.Sintra 2.Flight 3.Atchafalaya 4.The Curtain 5.Gretel 6.The Clearing


 

Advertisements