RECENSIONE: THE YELLOW TRAFFIC LIGHT/DREAMLESS – DANIELA FABOZZI

Dreamless

The Yellow Traffic Light

Dreamless

Dopo il loro primo EP autoprodotto nel 2013 i torinesi The Yellow Traffic Light pubblicano un secondo EP ancora  autoprodotto dal titolo Dreamless. Tre brani meno strumentali rispetto al primo EP Home At Least ma comunque ricchi di influenze del periodo a cavallo tra ‘60s e ‘70s, un misto fra psichedelia e rock progressivo riconducibile a gruppi come di Beatles, Pink Floyd, Caravan e Genesis (giusto per citarne qualcuno). Qualche venatura è stata “rubata” anche agli ‘80s come per gli elementi New Wave di Do It Right improntando l’EP in chiave dream-pop dalle atmosfere psychedelic-shoegaze. I testi in inglese hanno un che di Romanticismo perché contemplano il sublime della natura (April) e riflettono una sorta di alienazione immersa nel mondo dell’onirico.


Musicisti: Jacopo Lanotte: voce, chitarra – Luca Chiorra: batteria, percussioni – Federico Mariani: chitarra, tastiere, effetti – Lorenzo Avataneo: basso, voce


Brani:  April / Care / Do It Right


Contatti:

Facebook

Bandcamp

Soundcloud

Youtube

Ecco il particolare videoclip di April filmato interamente con una vecchia videocamera VHS di fine anni ’80.

Advertisements

One thought on “RECENSIONE: THE YELLOW TRAFFIC LIGHT/DREAMLESS – DANIELA FABOZZI

  1. Pingback: RECENSIONE: THE YELLOW TRAFFIC LIGHT/”TO FADE AT DUSK EP – EUGENIO MIRTI | TO CRASH - Music is a way of life

Comments are closed.