Snack per audiofagi… Black Stone Cherry – Ivano Rossato

Per iniziare di slancio questo promettente 2015 sento il bisogno di una buona dose di ignoranza redneck fatta di pose crasse, camicioni a scacchi a la Hazzard, riff di cemento armato e una voce tonante come l’ira di Odino. Rispondono perfettamente a questo identikit i quattro virgulti adrenalinici del Kentucky che dal 2006 si fanno chiamare Black Stone Cherry. In bilico fra southern-rock, metal, blues-rock rappresentano una delle formazioni più divertenti fra le giovani leve e sono l’ideale al semaforo per fare a gara di decibel con il vicino con la Golf ribassata che pompa Gigi D’Alessio. Una carneficina insomma.
Black Stone Cherry all’ultimo Rock Am Ring.
Buona domenica!

 

Advertisements