2014…2015 – Ivano Rossato \m/

tromba

(foto di Leonardo Schiavone – www FB)

 

 

Nel 2014 ho imparato in ordine sparso:

1) Che in qualche modo si può sopravvivere anche alle perdite più dolorose. Riposate in pace amici miei, riposa in pace cara amica mia… e ci si rivedrà un po’ più avanti…
2) Che è inutile aiutare chi non vuole essere aiutato… e ancora più inutile avere delle aspettative di essere aiutati. Semplicemente o ci sei o non ci sei… e la cosa pazzesca e che, alla fine, ti voglio bene anche se non ci sei…
3) Che è inutile star lì a starnazzare nella polvere: per ogni singolo politico e amministratore pubblico ci sono almeno 100000 nostri concittadini che si comportano nella vita quotidiana alla stessa identica maniera, se non meglio/peggio, nel bene e nel male… quindi basta supercazzole e guardiamoci negli occhi, anche in quelli dello specchio al mattino…
4) Che in tutto ciò che possediamo o perdiamo, che ci capita o che non succede mai, che ci fanno o facciamo, c’è un po’ del nostro zampino… nulla per caso, nulla senza la nostra complicità… nel bene e nel male, nei soldi, nel lavoro, nei sentimenti, nei rapporti umani… prima lo ammettiamo, prima tornerà la luce…
5) Che il tifo è una merda… in qualunque declinazione… dallo sport, alla politica, alla musica, alla religione… e prima smetteremo di aver bisogno del “senso di appartenenza” per nascondere le nostre insicurezze e debolezze, prima saremo in grado di scrostarci di dosso la miseria e di goderci la vita…
6) Che la “guerra tra poveri” è inevitabile quando è proprio fra i poveri che si nascondono gli imbecilli…
7) Che, come dice il maestro Yoda, “Do! Or do not! There is no try”…
8) Che, per la seconda volta, diventare ed essere genitore è l’esperienza più incredibilissimissima dell’intera esistenza… non ci sono cazzi… e ne sarà valsa sempre la pena… quindi, nel dubbio buttiamoci perché è tutto il meglio che la Vita può offrirci…
9) Che la nostra esistenza va onorata coltivando la propria passione e la propria creatività, senza accontentarsi di coltivare quella degli altri credendoci magari pure “protagonisti”… tutte cazzate: o un’esperienza, uno sport, un’attività, un’arte la pratichi tu in prima persona o sei uno spettatore, punto…
10) Che la Vita è meravigliosissima…

Quindi auguro al 2015 un buon me…

 

Advertisements