Recensione: CLARK/CLARK – Ivano Rossato

clark

CLARK

Clark

Warp Records – 2014

 

Chris Clark ha recentemente pubblicato “Clark”, una raccolta di tredici composizioni originali dove lo stile proposto è un elettronica elegante ed evocativa, più vicina alla colonna sonora di un film di fantascienza decadente e claustrofobico che all’atmosfera informale di un dancefloor. Lungo tutto l’album si respira un piacevole equilibrio fra il beat martellante di Unfurla dal sapore vintage e quello cinematografico di Sodium Trimmers, gli archi raggelanti di Ship Is Flooding e il synth-pop di Winter Linn. Un alternarsi fra il gelido respiro dell’elettronica più asettica di Beacon e una vitalità calda quasi umana come le voci campionate e lo xilofono di Snowbird. Petroleum Tinged lascia poi intuire che il Vangelis di “Blade Runner” non può che essere un punto di riferimento artistico anche se saggiamente evocato non tramite la sterile emulazione quanto più con una sapiente e personale rielaborazione. “Clark” conferma le doti di ottimo produttore e autore possedute da Chris Clark, uno dei nomi più talentuosi della scuderia Warp Records.

 

Brani:

01 – Ship Is Flooding
02 – Winter Linn
03 – Unfurla
04 – Strength Through Fragility
05 – Sodium Trimmers
06 – Banjo
07 – Snowbird
08 – The Grit In The Pearl
09 – Beacon
10 – Petroleum Tinged
11 – Silvered Iris
12 – There’s A Distance In You
13 – Everlane

Advertisements