Snack per audiofagi… PJ Harvey at The Royal Albert Hall – Ivano Rossato

 

PJ Harvey mi ha sempre affascinato per la capacità di creare un suono unico in funzione del brano e dell’atmosfera che vuole di volta in volta creare. L’abilità, ancora prima di pensare ai testi e le linee melodiche e armoniche, di piegare la tavolozza dei timbri non ai cliché di un genere ma in funzione di ciò che la sua musica vuole trasmettere in quel momento. Basta ascoltare la crudezza caustica delle chitarre di album come “Dry” e “Rid of Me”, quella torva e quasi tutta basata su basso e batteria di “To Bring You My Love”, il lirismo diretto di “Is This Desire” e quello grandioso quasi pop di “Stories from the City, Stories from the Sea”. Una musicista che amo e che si può assaporare in tutta la sua grandezza in “Live at The Royal Albert Hall”, durante i tour di promozione di “Let England Shake”.

Buona domenica!

 

Advertisements