Recensione: Impression Materials/Dry – Eugenio Mirti

Copertina fronte

IMPRESSION MATERIALS

DRY EP (2014)

di Eugenio Mirti

E’ uscito il 18 settembre “Dry EP”, il nuovo lavoro di Impression Materials, al secolo Stefano Elli, un Ep che segue l’esordio “It shouldn’t be a matter” del 2013 (qui la recensione di TOCRASH) e che gode della coproduzione di Mauro Galli, anche co-autore di due delle tracce. L’aspetto più in evidenza del disco è il sound, minimale ma particolarmente ben curato, sicuramente affascinante. I brani sono generalmente sviluppati su pochi spunti molto definiti e interessanti (la chitarra con tremolo di  Be My, il riff esotico di Cold Twang, le atmosfere “liquide” di Dry..), con un vago sapore americano e bluesy. Si tratta nell’insieme di un Ep potente e compatto, ricco di spunti interessanti. Da ascoltare.

Soundcloud

Bandcamp

BRANI: Be My; Wordsproof; Shoes; Cold Twang;Dry

MUSICISTI: Stefano Elli: chitarre, voci, cori, armonica, Mauro Galli: basso, batteria in “Cold Twang”, Stefano Renzetti: batteria.

Advertisements