Recensione: Neon/Donnie Lybra – Eugenio Mirti

DonnieLybra_NEON

Donnie Lybra

Neon (Autoproduzione, 2014)

Neon è il primo EP dei Donnie Lybra, un quintetto milanese che propone una musica  che miscela abilmente il tipico sound new wave degli anni ’80 con parti di chitarra taglienti (e intelligenti) e atmosfere sonore molto curate. Un primo motivo di grande interesse è il mix, che prevede   la batteria molto fuori e la voce indietro, Jimmy Miller docet! Questa scelta enfatizza le trame ingegnose costruite da chitarre e tastiere, ben sostenute dalle parti di batteria mai scontate di Capizzi e dal sound decisamente new wave del basso di Giambelli (si ascolti il riff di Tutti Galleggiano). MM3 fa seguire a una cupa apertura  un cantato intenso e chitarre molto interessanti; notevole la lunga coda che prevede un gagliardo crescendo. Il Tempo (per non capirci) è senz’altro il brano più convincente: una lunga cavalcata rock scoppiettante-ma-non-troppo, con bei cori, dinamiche forte-piano molto ben enfatizzate, veri chiaroscuri sonori che dimostrano le potenzialità di questo gruppo.

A favore: le idee, i riff, la registrazione, il mix, il packaging bellissimo (cartonato con illustrazione mirabile), l’uso delle tastiere, le parti di chitarra e batteria, il bilanciamento cantato/strumentale.

Il consiglio: curare ancora meglio le già interessanti parti vocali soliste.

Brani: Salutarvi, Tutti Galleggiano, MM3, L’istinto del ratto, Il Tempo (per non capirci)

Musicisti: Gabriele Prada (Voce – Chitarra), Roberto Redondi (Tastiere), Andrea Giambelli (Basso – Cori), Riccardo Carissimi (Chitarra), Davide Capizzi (Batteria – Cori).

Link: www.donnielybra.bandcamp.com

www.facebook.com/donnielybra

 

Advertisements