APPUNTI DI VIAGGIO VOL. 29 – STEFANO DI IELSI

The Vigil

Chick Corea – “The Vigil”

2013 (Decca Records)

In due anni tre cd, due tourné, tre progetti differenti, con un ventaglio di musicisti di livello stellare. Probabilmente starete pensando che mi stia riferendo a un giovane musicista in erba che, nel pieno della sua carriera musicale, stia sperimentando tutto il pensabile e l’impensabile per cercare di soddisfare la sua sete di musica e di successo, dando sfogo alle innumerevoli idee che gli frullano in mente. Beh, avete ragione! Escludendo il piccolo particolare che il signore in questione è un “giovane” di settantadue anni suonati, Mr. Armando Anthony “Chick” Corea, non contento di aver appena fatto un CD con Gary Burton (Hot House, vedi Tocrash 8 Nov 2012) e un disco solista, entrambi del 2012, ci propone nuovo materiale prontamente sfornato dalle sue mani fatate. Il lavoro esce   a conclusione della sua Tourné “Chick Corea & The Vigil”, condivisa con musicisti del calibro di Tim Garland, Hadrien Feraud, Charles Altura e Marcus Gilmore.

Plante Chia fa rivivere i ritmi Iberici di Spain, brillante e geniale, e colpisce per le  soluzioni sonore  di cui è ricca. Portals to Forever ci immerge porta a rivivere la   fusione i  continui riff in levare, a cui il Sax di Tim Garland conferisce profondità e importanza e il solismo di chitarra e tastiera produce duetti di rara efficacia. Nelle atmosfere malinconiche e classicheggianti di Outside of Space trova spazio l’eleganza di una vocalist come Gayle Moran, capace di smorzare le tensioni ritmiche accumulate. La “perla” finale è “Hot House” in versione live,  con il contrabasso di  Stanley Clarke.

Il pianoforte fa capolino, entra e esce senza nessun preavviso, prende in mano le redini del brano e ne diventa il direttore d’orchestra, poi attore non protagonista, quindi la comparsa, l’antagonista, il saltimbanco, in un susseguirsi di cambi di ritmo e di accento che trasportano oltre il semplice concetto e definizione di uno standard Fusion o Jazz che sia: lo stile  di Corea  ha come sempre il merito di risultare piacevolmente differente, una base ritmica carica di groove e dinamiche spumeggianti  la cui cornice armonica diventa un meraviglioso espediente a garanzia della libertà d’espressione.

https://www.youtube.com/watch?v=V-TvJwqEtUA

https://www.youtube.com/watch?v=bHJ-bicoMnM

Brani: 1. Galaxy 32 Star 4; 2. Planet Chia; 3. Portals To Forever; 4. Royalty; 5. Outside Of Space; 6. Pledge For Peace; 7. Legacy; 8. Hot House (Live).

Musicisti: Armando Anthony “Chick” Corea – Piano e Key; Tim Garland – sax e clarinetto basso; Hadrien Feraud – basso elettrico ; Charles Altura – chitarra; Marcus Gilmore  – batteria e percussioni

chick-corea-and-the-vigil-perform-live-at-blue-note

Advertisements