Editoriale – 28 giugno – Eugenio Mirti

toto

Purtroppo – come tutti sapete –  è più forte di me, e sono un curiosone rompiballe di dimensioni galattiche.

Devo anche dichiarare che di recente  il confronto con amici e conoscenti è   diventato divertente quasi come  guardare la marcia dei martelli di “The Wall”: sono tutti (quasi tutti, via!)  granitici e certi nelle loro convinzioni.  Al che  io,  essendo appunto un curiosone (e trituramarroni) senza paura,  sento  nascere prepotente e impetuosa in me  la voglia di fare domande.

Anche solo per capire e non esprimere giudizi senza prima documentarmi meglio.

Pare purtroppo che questa attitudine sia ormai diventata socialmente inopportuna, visto che è tornato di moda il celebre adagio: “Mussolini ha sempre ragione”, cui potete sostituire al nome del puzzone quello del vostro interlocutore, in qualsiasi tipo di dibattito e confronto.

Per spiegarmi meglio,  ho costruito un metaforico dialogo immaginario che ricalca il genere di (s)piacevoli e inutili conversazioni che mi tocca sucarmi da un bel pezzo!  Enjoy.

Siamo nel 1984

EM- ma com’è che poi i Clash, che combattevano per i diritti di tutti ecc ecc ecc, hanno espulso Mick Jones nel settembre dell’anno scorso, tra l’altro facendo una sostanziale figura di cacca, visto che egli si è ripresentato  incantando con i BAD con l’ottimo “This Is Big Audio Dynamite”, e i Clash si sono invece fumati ogni residua credibilità presentando “Cut The Crap”,  un  fallimento galattico?

Mr. X – scusa ma visto che ti piacciono gli Stones, sempre meglio Cut The Crap che poi cacci Brian Jones che muore annegato perchè sono tutti stronzi.

EM- c’è un equivoco, io sono interessato a capire la logica nei Clash, non a diventare fan di una delle due band. Apposta lo sto chiedendo a te che sei un esperto!

Mr. X- senti, comunque in un mondo di rockers tutti fatti e drogati i Clash almeno erano attenti ai temi sociali. E guarda la fine che ha fatto John Bonham, magari se lo cacciavano era ancora vivo e ci doveva pure dire grazie.

EM- ma ora anche gli Zeppelin? io non è che accuso i Clash, vorrei capire le motivazioni così da potermi costruire una mia opinione, conoscendo meglio i fatti.

Mr. X – ma se ad Altamont avevano pure ammazzato il nero a bastonate, ma ti sembra possibile? E tu stai qui a contestarmi ste minchiate che poi cacciano uno! Ma guarda le cose importanti, checchez. Parliamo di Jim Morrison che tira fuori il pisello sul palco?! E tu sei qui che mi parli male di Joe Strummer. Il premio Nobel dovrebbero dargli, altro che critiche.

EM – ma io non sto parlando dei Doors, vorrei capire dei Clash,  perchè bisogna sempre stare a fare i paragoni?

Mr.X – per non parlare dei processi di Keith Richard!  E Paul McCartney, che  ha pagato 60 milioni di sterline per non far sapere niente dell’ex matrimonio! Ma ti pare possibile che uno faccia una band con un condannato 18 volte per droga e l’altro fa i tour e chissà cosa combinava a casa sua? E questi gli danno la licenza di vendere i dischi! Tutti a casa, subito!

EM – io volevo solo sapere se ti sembra coerente cantare i temi di libertà sociale e civile e poi sbatti fuori uno solo perchè ti sta sulle palle…

Mr. X – senti io mi occupo del Clash fun club di Solbiate Olona, e lì di queste cazzate non abbiamo tempo di parlare, ci si fa tutti il culo perchè domani il rock sia migliore anche per te o per i tuoi figli (… intanto la conversazione continua per altre 7 ore senza che io riesca a farmi una idea sul merito della questione…)…

Mi diceva sempre la mia nonna: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire…

Advertisements

One thought on “Editoriale – 28 giugno – Eugenio Mirti

  1. Pingback: Editoriale – 1 luglio – Ivano Rossato | TO CRASH

Comments are closed.