Recensione: Progetto Panico/Maciste in paranoia – Ivano Rossato

Maciste in Paranoia cover art

Progetto Panico

Maciste in paranoia

Taratura Limitata Record 2013

Formatisi nel 2010 a Spoleto, i Progetto Panico danno seguito all’EP autoprodotto Livello 0 del 2011 pubblicando Maciste in paranoia, un disco ben scritto e registrato che dispensa carezze e schiaffi in egual misura. Le 17 tracce originali cantate in italiano mescolano punk, hardcore, pop, ska e reggae con naturalezza e fanno da cornice a testi irriverenti e ironici, dei veri e propri mantra cartavetrati nel raccontare storie di disordinata quotidianità. Una miscela di melodie semplici ed efficaci, fragore elettrico, veloci cambi e convincenti groove fanno di Maciste in paranoia un album divertente, realizzato dal trio umbro con scanzonata professionalità senza prendersi troppo sul serio, che attraverso brani irresistibili come Scimmia d’acciaio e Rasta rancoroso lascia intravedere la sua spiccata propensione a festosi concerti danzanti.

Musicisti: Voce e chitarra: Pan  Basso: il Nano  Batteria: Gilando

Brani: 1.Avatar 2.Oh mamma 3.Scimmia d’ acciaio 4.Fuori contesto 5.Rasta Rancoroso 6.666 7.I ching 8.Ascesi a metà 9.Sul gozzo 10.Festa in un metro quadrato 11.Sbattimi, la porta in faccia 12.Canzone triste 13.Serpe isterica 14.Ragazzo cane 15.Ti manca la faccia 16.El paraculpunk 17. Maciste in paranoia

Advertisements

One thought on “Recensione: Progetto Panico/Maciste in paranoia – Ivano Rossato

  1. Pingback: “..You’re a prison I can’t escape..” – Newsletter settimane 27/28 – 01/14 Luglio – anno 2013 | Costello's

Comments are closed.