APPUNTI DI VIAGGIO VOL. 14 – STEFANO DI IELSI

?????????????????

Solipsistic/Semantic Saturation (autoprodotto)

di Stefano Di Ielsi

Veramente interessante il progetto del chitarrista Canadese Shant Hagopian: oltre alle prestigiose collaborazioni che arricchiscono il lavoro (Virgil Donati e Derek Sherinian, Planet X e ex-Dream Theater il secondo, Andy Kuntz Vanden Plas), l’album è proposto con una distribuzione totalmente indipendente, senza il coinvolgimento di nessuna casa discografica, Major o simili. Le vendite avverranno infatti completamente on-line, attraverso il download di file MP3 e spedizione del supporto (CD). La band esplicita questo aspetto del loro lavoro con l’intento per evidenziare come i sacrifici dell’autofinanziamento sono qualcosa di possibile anche per le band di livello.

Solipsistic è un album Progressive/Fusion con tutte le caratteristiche del caso. Gli amanti del genere potranno gongolarsi al suono di riffing taglienti in puro stile hard rock, ritmiche potenti e intricate matasse sonore, infarcite di duetti solistici chitarra/tastiera che saturano questo lavoro di ricami virtuosistici a volte al limite del barocchismo.

L’album, quasi interamente strumentale, è basato su atmosfere rivolte agli anni ’90, con forti richiami ai massimi esponenti del genere (Dream Theater, Vander Plas ecc), in particolare per  la chitarra solista: sempre in primissimo piano, riporta alla mente fraseggi cari a Satriani, con  improvvise aperture fatte di rallentamenti e cambi di tono che caratterizzano positivamente l’intero lavoro.

L’album è  di alto livello: la bella cura dei suoni,  le soluzioni compositive e la qualità esecutiva dei musicisti pone Solipsistic in testa alle uscite del momento. D’altro canto non aspettatevi nulla di nuovo:  i contenuti sono convenzionali e se pur esteticamente ineccepibili a volte lasciano la sensazione di scivolare via troppo presto.

Amanti del progressive, fatevi avanti, Solipsistic aspetta solo voi! Neofiti del genere, insieme a  Solipsistic, prendete la Delorian e fate un salto negli anni Novanta!

Brani: 1. Ambivalence (6:33); 2. Make Believe (5:06); 3. Lost in the Found: Insanity (5:26); 4. Stardust (6:49); 5. Blessing in Disguise (4:48); 6. Armchair Activist (4:10); 7. Point of Singularity (03:50); 8. Time is an Illusion (5:43); 9. What if We All Stop (8:44);

Musicisti:  Shant Hagopian (chitarre) featuring: Virgil Donati (batteria) Ric Fierabracci (basso) special guests: Derek Sherinian (tastiera) Andy Kuntz (voce)

cropped-Banner_logo

Advertisements