Snack per audiofagi… Stereophonics – Ivano Rossato

Nella seconda metà degli anni novanta il panorama della musica inglese ci proponeva la penosa e probabilmente artefatta contrapposizione fra Oasis e Blur (che attendevamo ansiosi dai tempi della rivalità fra Duran Duran e Spandau Ballet). Mentre le due “next big thing” si sbertucciavano a colpi di screzi mediatici un trio gallese dal nome Stereophonics stava oliando gli ingranaggi di quello che sarebbe diventato uno degli schiacciasassi del decennio: “Performance and Cocktails”(1999).

Echi di Mother Love Bone e Screaming Trees in chiave britannica con una semplicità ed una efficacia nelle melodie e negli arrangiamenti tale che probabilmente zio Keith si fumò 7 pacchi di Marlboro per l’eccitazione.

This is Rock&Roll folks, ma se non li conoscete ancora non vi preoccupate: mi pare che trasmettano ancora Amici di Maria…

Have a nice SUNday!




Advertisements