Snack per audiofagi… Nitin Sawhney – Ivano Rossato

I musicofagi cresciuti nell’era pre-download massivo hanno sperimentato la meravigliosa esperienza di venir attratti da una copertina e acquistare il cd a scatola chiusa senza conoscerne minimamente il contenuto. E’ sorprendente quante volte, nel mio caso, questa scommessa abbia portato all’incontro con delle perle assolute che probabilmente mai avrei conosciuto (…e questo fa coppia con la mia personale tesi  empirica che se mi piace l’etichetta di una bottiglia di vino così sarà anche per il suo contenuto…).

Grazie alla copertina di Beyond Skin (1999 – Outcaste Records) conobbi per caso Nitin Sawhney un formidabile compositore inglese/indiano capace di fondere l’elettronica, le sonorità acustiche e le lingue delle tradizioni globali con sapienza (come forse solo i Transglobal Underground prima di lui). Ma il suono non è l’unico ingrediente. Nitin Sawhney oltre che produttore dotato è anche autore di melodie efficaci e semplici. Canzoni che sono dolci carezze per lo spirito.

Consigliatissimo anche Prophesy (2001 – V2/BMG), specie in una domenica di sole come oggi.

Have a wonderful day!

Advertisements